Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

wuuls

Canvas Next

Il problema

L’industria tessile è una delle più grandi industrie al mondo con 15 milioni di lavoratori in Asia e 4 milioni in Europa. La dislocazione della catena di produzione garantisce alle aziende leader velocità nella produzione e bassi costi di manodopera. La frammentazione delle catene del valore tuttavia provoca problemi sociali legati ai salari ben al di sotto di un livello vivibile ed a problemi legati alla sicurezza ed alla salute sul lavoro.
L’industria della moda produce 90 milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno, solo il 15% viene riciclato mentre il restante 85% viene smaltito in discarica, dove impiega dai 40 a 200 anni per decomporsi. I tessuti sintetici come il poliestere possono richiedere 200 anni per decomporsi.
Nove miliardi di kilogrammi di sostanze chimiche vengono utilizzate dalla moda ogni anno per completare i loro prodotti. L’impiego di sostanze chimiche nella tintura degli abiti che indossiamo ha un impatto diretto sulla salute dell’uomo. L’Associazione Italiana Tessili e Salute riferisce che l’8% delle malattie della pelle sono causate dalle sostanze impiegate nei processi tintori.

Offerta di valore

WUULS utilizza lana merinos del parco nazionale del Gran Sasso D’Abruzzo trattate da L’Associazione Pecunia.
La lana è una fibra naturale, rinnovabile,è una fibra rispettosa del pianeta per diversi motivi:
1. I prodotti in lana hanno una lunga durata e possono essere utilizzati o indossati più a lungo rispetto ad altre fibre tessili.
2. La lana è una fibra totalmente riciclabile ed è anche sicuramente biodegradabile.
L’intera produzione di maglieria avviene localmente in Italia.
WUULS utilizza un processo di tintura al naturale; tecnica affinata grazie alla collaborazione con la Tintoria Ferrini, un azienda leader di settore con sede in provincia di Perugia(UMBRIA). Si tratta di una tintura lenta e genuina, una procedura “di una volta” che è stata resa contemporanea, moderna e tecnologica.
WUULS collabora con aziende locali, tutte italiane che hanno cura dei propri lavoratori, migliorando le loro condizioni di vita e fornendo loro un buon ambiente di lavoro.
Il progetto non si avvaler di manodopera a basso costo e di collaborazioni che come unico interesse hanno il profitto.

Contabilità dell’innovazione

È essenziale collaborare con le entità locali per investire nel benessere economico della nostra regione. Usiamo una materia prima organica autoctona del nostro territorio e la tingiamo completamente al naturale con materiali come il Guado o lo Scotano.
Produciamo maglieria di qualità realizzata per durare a lungo. I nostri maglioni sono completamente riciclabili se non addirittura biodegradabili. La cosa che ci interessa di più è che i nostri maglioni siano utilizzati dai consumatori il più a lungo possibile ed è per questo che stiamo realizzando tutorial per riparare i prodotti in lana.
Utilizziamo etichette in materiali riciclati, prodotti da Dienpi srl e imballaggi biodegradabili per spedizioni online prodotte da una startup americana con la quale collaboriamo “Wastebased”.
Con il 5% del ricavato delle vendite delle nostre collezioni realizziamo corridoi faunistici nel Parco Nazionale con l’associazione ” Salviamo l’orso”.