Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

fairbnb

Canvas Next

Il problema

Fairbnb risponde all’esigenza impellente di fornire una piattaforma alternativa a Airbnb e Booking.com, che possa offrire gli stessi benefici per gli utenti limitandone i danni.
L’idea è nata contemporaneamente a Bologna, Venezia e Amsterdam da tre gruppi diversi che volevano creare una soluzione ai problemi dell’attuale sharing economy.
Fairbnb è frutto di un percorso di co-creazione portato avanti da tutti i founder, combinando un approccio pragmatico a un problema impellente

Offerta di valore

Fairbnb promuove una nuova sharing economy, che mira ad alimentare un’economia collaborativa capace di attivare processi di rigenerazione sociale e economica.
Il 50% delle commissioni delle transazioni sono infatti donati a progetti sociali di comunità per rendere il turismo una risorsa che crei prosperità e benessere diffuso. In questa maniera creiamo esternalità positive tramite il turismo!
Allo stesso modo, impedendo l’ingresso dei megahost (2 o più case), che rappresentano meno del 10% di utenti ma spesso più del 50% degli appartamenti totali, evitiamo di alimentare processi di speculazione e turistificazione. In questa maniera riduciamo le esternalità negative!

Contabilità dell’innovazione

1) Nel modello che combina sharing economy e economia sociale e permette di finanziare migliaia di progetti di comunità;
2) Nella componente organizzativa: siamo una delle prime piattaforme cooperative. Un nuovo modello organizzativo che coinvolge gli utenti nella cooperativa creando un senso di responsabilità, di unione di scopi e di comunità.
3) Nella componente tecnologica: il sistema di API della piattaforma permette l’integrazione di servizi e strumenti da parte di ONG e cooperative sociali.

Contiamo di raggiungere entro il 2023 il 3% del mercato di P2P accomodation che porterebbe a distribuire circa 120 milioni di euro a iniziative sociali in tutto il mondo.