Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

Problema

La produzione brassicola in Italia è in forte crescita ed è costituita da PMI che creano valore per il territorio. Cominciando dal Lazio, è forte l’esigenza d’innovazione e sostenibilità, per definire una filiera a Km 0, made in Italy e di qualità. Recuperare gli scarti della produzione significa risolvere l’ingombro delle cosiddette trebbie (80% della produzione), che possono essere valorizzate con sottoprodotti (pellet, biogas, bioplastiche) perseguendo l’ideale di città sostenibile e di consumo e produzione responsabile (goals 11 e 12 dell’Agenda 2030). WE_Hop! recupera ed essicca le trebbie da impiegare nella produzione di energia/calore (l’Italia produce solo il 10% del pellet utilizzato, secondo dati Istat) ed in collaborazione con il Crea, desidera “hope” (in italiano l’ultima “e” è muta) sperimentare l’utilizzo delle stesse per la realizzazione di contenitori, gadgets e stoviglie compostabili (bioplastiche) da impiegare nelle fiere e festival di settore, da sostituire alla plastica, contribuendo alla riduzione dell’inquinamento, all’educazione delle nuove generazioni di un consumo e una produzione responsabili, e facendo leva sul D.M. EUROPA 2020 secondo cui “tutti gli imballaggi devono essere riciclabili”.

Offerta di Valore

Basiamo la nostra offerta su 3 punti forti:
1. l’utilità, cioè risolvere ed organizzare l’ingombro di un residuo altamente deperibile in maniera efficiente, continuativa ed organizzata. Il materiale viene ritirato, essiccato e stoccato in tal maniera il produttore ha meno preoccupazioni, evitando sanzioni a venire lì dove la normativa non ha ancora definito delle specifiche del trattamento dello scarto.
2. l’aspetto emotivo, cioè entrare a far parte della rete dell’economia circolare, proponendo una filiera local, controllata e di qualità che si differenzia radicalmente dalla produzione industriale. Ciò significa applicare la responsabilità sociale d’impresa e il valore condiviso, e comunicare la propria identità attraverso il prodotto.
3. l’aspetto economico, in quanto il guadagno è incrementato dai sottoprodotti derivati dalla lavorazione dello scarto, come i pellet e le bioplastiche.
Il punto 2 aumenta il guadagno così come riportato da alcuni studi in cui, fra i tanti segnali di un nuovo disagio sul fronte del consumatore, è la sostenibilità ambientale. Da una ricerca “Censis” del 2013: il 50,5% degli italiani ha acquistato nel 2012 dei prodotti solo dopo aver verificato che questi non inquinassero e il 40,5% aveva dichiarato di non comprare mai da aziende non socialmente responsabili.

Contabilità dell’innovazione

L’ecosostenibilità dei processi, la capacità di produrre prodotti di nicchia e molto particolari, valorizzando il territorio, sistemi innovativi di recupero e valorizzazione degli scarti di produzione, aumentano la sostenibilità ambientale della filiera e permettono una diversificazione della produzione con apertura verso nuovi mercati. Il risultato può essere testato attraverso gli stessi beneficiari e misurando l’impatto ambientale. Significa rafforzare l’identità di un settore produttivo local, artigianale e di qualità.
L’innovazione di prodotto/materiale è costituito dalle trebbie, scarsamente utilizzato in Italia. I suoi possibili impieghi sono: biochar; pellet; design compostabile (contenitori, gadgets e stoviglie). Il design è per noi un fattore chiave di accelerazione e ottimizzazione nell’innovazione di prodotto tramite la gestione e l’innovazione di processo, volto alla creazione di valore aziendale sia in termini economici che di know-how.
La filiera agricola è modello per l’agroindustria, ed il comparto brassicolo italiano, che conta oggi nella sua interezza 140.000 occupati secondo dati assobirra, considerando gli addetti diretti, indiretti e quelli dell’indotto. Mettere al sicuro i produttori da eventuali multe per smaltimento non corretto e non regolamentato in alcuni comuni (vuoto normativo), significa evitare il caos dell’autogestione, garantire la produttività del settore, e monitorare attraverso feedback diretti i clienti e il loro soddisfacimento, correggendo il tiro se necessario.

Lavora con We_hop!  Lascia un'idea ai ragazzi di We_hop!   Fai una donazione ad We_hop!