fbpx
Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Lidia Di Vece
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

Re-Coffee

Re-Coffee si occupa di creare una rete di collaborazioni tra bar e cooperative sociali, al fine di impiegare fondi di caffè per la produzione di funghi. In un’ottica di circolarità e sostenibilità, si riducono gli sprechi e si integrano persone con fragilità sociali nel mondo del lavoro.

Requisiti di sostenibilità

Re-Coffee, in un’ottica di sostenibilità a tutto tondo, fornisce un lavoro dignitoso a persone con fragilità sociali, mirando all’eliminazione delle disuguaglianze in un ambiente lavorativo sano e sicuro. La visione sistemica del progetto e la collaborazione con diversi partner, promuovono una produzione ed un consumo più responsabile grazie alla riduzione degli sprechi e all’impiego di una coltivazione a ridotto utilizzo di risorse.

Il Team

Elisa

Kristin

Norma

Cecilia

Andrea

Cosa fate? Perché? Per chi?
In Italia ogni bar produce in media 2 kg di fondi di caffè al giorno che, nonostante le loro potenzialità, diventano rifiuto. Re-Coffee si occupa di creare una rete di collaborazioni tra bar e cooperative sociali, al fine di impiegare fondi di caffè per la produzione di funghi. In un’ottica di circolarità e sostenibilità, si riducono gli sprechi e si integrano persone con fragilità sociali nel mondo del lavoro.
Come lo fate?
Re-Coffee crea collaborazioni con i bar da cui raccoglie fondi di caffè che, tramite cargo bike, vengono trasportati alla cooperativa, la quale si occupa della produzione dei funghi. Dopo la raccolta vengono trasformati e il substrato esausto viene impiegato come humus. La vendita viene effettuata su vari canali.
Come guadagnate?
I ricavi derivano dalle vendite dei prodotti (funghi freschi e trasformati). La vendita si articola su diversi canali: B2B, tramite collaborazioni con ristoranti e bar partner; B2C, tramite e-commerce, GAS (gruppi di acquisto solidale) e vendita diretta. Re-Coffee punta a creare collaborazioni di lungo periodo con i partner per perseguire una stabilità di flussi in entrata, e a creare consapevolezza tra i consumatori sui temi di sostenibilità ed etica grazie ad attività di comunicazione seguite dal brand.
Chi siete?
Siamo cinque laureandi in economia, del corso “Food System: management, sustainability and technologies” all’Università di Parma. Elisa e Kristin curano gli aspetti di sostenibilità, Norma e Cecilia la collaborazione tra i partner e Andrea gli aspetti di economia e marketing.
Vantaggio Competitivo
Il nostro vantaggio competitivo deriva dalla creazione di prodotti ad alto valore nutrizionale (funghi con un maggior contenuto di proteine, vitamina B e lovastatina), sociale (collaborazione tra realtà locali), umano (offerta di lavoro a persone svantaggiate) e ambientale (recupero e valorizzazione degli scarti).
Risorse e Partner
Il progetto è nato in collaborazione con la Cooperativa Fraternità (BS), che offre accoglienza e servizi a persone con fragilità sociali (disagi psichici, dipendenze, richiedenti asilo e rifugiati). Oltre alla Cooperativa, tra i partner figurano i bar che ci forniscono fondi di caffè, l’azienda che si occupa della trasformazione e i ristoranti che li reimpiegano nelle loro preparazioni. Essendo Re-Coffe un modello scalabile, miriamo a replicarlo e adattarlo a diverse realtà locali.
Piano Economico Finanziario
I principali investimenti sono rappresentati dall’acquisto delle cargo bike e dallo sviluppo del sito web per l’e-commerce. I costi sono esigui, in quanto il micelio, la paglia e le borse per la coltivazione hanno prezzo ridotto, mentre la materia prima, ossia i fondi di caffè, rappresenta una risorsa a costo zero. I ricavi derivano dalle vendite dei prodotti freschi e trasformati, tramite e-commerce, vendita diretta, GAS e collaborazione con ristoranti e bar partner.
Una parte dei flussi in entrata è destinata alla cooperativa che si occupa della produzione e un’altra all’azienda di trasformazione.
Timing
Nei prossimi tre anni puntiamo ad espandere le collaborazioni con cooperative sociali nel territorio lombardo. Questo ci permetterà di sviluppare un modello di economia di scala che, grazie all’incremento produttivo, consentirà di ridurre i costi unitari del prodotto trasformato. Ci siamo posti l’obiettivo di replicare il modello di Re-Coffee sul territorio nazionale al fine di creare più centri collaborativi. Miriamo a far diventare Re-Coffe un marchio avente una forte brand awareness, conosciuto per sostenibilità e valore sociale.

Altre idee dalla Community