fbpx
Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Lidia Di Vece
Movimento consumatori
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

4utonomy

4utonomy è un’applicazione che eroga una serie di servizi per offrire la possibilità a tutti di muoversi liberamente e far sì che la visita di una città d’arte sia un’esperienza piacevole per le persone con difficoltà motoria e per i loro accompagnatori.

Requisiti di sostenibilità

L’impatto può essere misurato in differenti ambiti che vanno dal miglioramento dell’autonomia delle persone con difficoltà motoria alla diminuzione degli spostamenti tramite mezzi che utilizzano combustibili fossili; ciò genererebbe un aumento di flusso turistico.
L’intento è normalizzare la cultura della disabilità al fine di indurre un cambio di paradigma delle città che da inaccessibili diventano accessibili.

Il Team

Nouha Zakariya

CEO

Ludovico Luca Santucci

CTO

Aris Tufexis

CDO

Rosa Cotena

COO

Cosa fate? Perché? Per chi?
Il progetto nasce da un fondamentale bisogno: l’impossibilità di accedere a determinati luoghi della città.
L’impatto auspicato da 4utonomy è quello di dare la possibilità di muoversi liberamente a tutte le persone con difficoltà motoria. Il cuore del progetto è creare un’applicazione utile allo scopo, che dia sicurezza negli spostamenti quotidiani.
Il target di riferimento coinvolge beneficiari diretti ovvero persone con mobilità ridotta, ma anche indiretti come gli accompagnatori e le attività commerciali e culturali interessate allo sviluppo dell’applicazione.
Come lo fate?
Il progetto si declina in diversi stream di attività, alcuni interni ed altri esterni: mappatura del territorio, delineazione degli itinerari alternativi e creazione dell’applicazione. Quest’ultima comprende tali servizi: percorsi, segnala un problema, Help, Community, Sharing.
Come guadagnate?
La sostenibilità economica sarà garantita da molteplici fonti:
-Il Patrocinio diretto del Sacro Convento di Assisi
-Wheelchair Sharing (noleggio di propulsori elettrici)
-Prenotazione di un servizio di guida turistica accessibile
-Pubblicità interne all’applicazione
-Affiliazione delle attività commerciali
-Servizio di certificazione dell’accessibilità dei locali
-Partecipazioni a bandi
-Donazioni
-Crowdfunding
Chi siete?
Diverse sono le figure coinvolte nello sviluppo, nel lancio e nell’implementazione ed, in particolare, il team interno è composto da Nouha Zakariya (CEO), Ludovico Luca Santucci (CTO), Aris Tufexis (CDO) e Rosa Cotena (COO).
Vantaggio Competitivo
Il vantaggio competitivo deriva da:
-Capacità dell’app di autoaggiornarsi
-Costruzione di una community attiva
-L’integrazione del servizio di wheelchair sharing (noleggio di propulsori elettrici), pratica innovativa e, ad oggi, ancora insondata
-Navigatore satellitare con percorsi totalmente accessibili
Risorse e Partner
La partnership individuata è vasta. Disponiamo del patrocinio del Sacro Convento di Assisi e del Comune di Assisi e intendiamo attuare collaborazioni anche con attività commerciali e culturali locali. Inoltre, la community di 4utonomy sarà un punto centrale per stimolare il coinvolgimento delle persone e produrre un meccanismo di co-creazione e condivisione di percorsi, emozioni ed esperienze.
Piano Economico Finanziario
Le principali fonti di ricavo deriveranno dal servizio di noleggio di ausili elettrici, di guida turistica, dalla collaborazione e pubblicità offerta alle attività commerciali.
I costi maggiori saranno dati dall’acquisto di propulsori elettrici e dalla mappatura del territorio, mentre gli investimenti saranno diretti in via prioritaria allo sviluppo sostenibile dell’app e dei diversi servizi correlati in una prospettiva di scaling e di un possibile adeguamento alle particolarità territoriali.
Timing
Il primo anno si svilupperà l’intero progetto ad Assisi che sarà la città pilota. Lo step successivo è lo scaling, già nel secondo anno, ad Ercolano e a Città del Vaticano fino ad avviare una diffusione capillare a livello nazionale nel terzo anno.

Altre idee dalla Community