fbpx
Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Circolo MCL - Un Paese per Giovani - APS
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Lidia Di Vece
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

Il nuovo Codice delle Pari Opportunità è legge, cosa cambia per la tua azienda

8 Nov. 2021 | News

Una piccola rivoluzione si sta innescando per le aziende e si tratta del Codice per la Pari Opportunità, leggi l’articolo per non farti trovare impreparato e non incorrere in future sanzioni.

 I fatti:

Il 26 ottobre 2021 è stata approvata la proposta di legge di modifica del Codice delle pari opportunità, che introduce ulteriori disposizioni volte a favorire l’uguaglianza di genere nel mercato del lavoro.

Non va dimenticato che la promozione della parità salariale è uno dei punti focali della legge che poi si snoda in altri punti, uno su tutti l’applicazione delle quote di rappresentanza di genere nelle società controllate dalle PA.

Cosa cambia per le aziende con il nuovo Codice per le pari opportunità

Prima del 26 ottobre il precedente Codice delle Pari Opportunità obbligava solo le aziende con un numero maggiore di 100 dipendenti a stilare il rapporto, almeno biennale, sulla situazione del personale maschile e femminile, analizzato sotto i punti di occupazione e retribuzione.

Ora la soglia dell’obbligo scende a 50 dipendenti e il rapporto deve essere biennale, con la facoltà per le imprese di minori dimensioni di stilare la relazione su base volontaria.

Questo cambiamento coinvolgerà oltre 20.000 nuove imprese che dovranno fare fronte alla sfida.

Soci sostenitori

Soci sostenitori

Soci sostenitori

Perché è necessario il Codice per le Pari Opportunità

Il divario di genere è un chiaro segnalo di come ad oggi vi sia un’effettiva assenza di parità tra uomini e donne all’interno del mercato del lavoro.

Analizzando i dati che fanno riferimento alla finestra temporale del 2020 l’Italia ha segnato un triste primato:

il 48,5% della popolazione femminile è occupato, peggiore solo la Grecia con il 14% in meno.

A questo si aggiunge che nel settore privato le differenze salariali tra uomini e donne sono del 17% contro la media europea del 14%.

Alcuni dati sulle disuguaglianze salariali

Il lavoro di David Card, Premio Nobel per l’economia 2021, ha messo in luce alcuni fattori sostenendo la teoria secondo la quale le diseguaglianze salariali all’interno delle aziende sono dirette responsabili delle disuguaglianze di genere.

Per questo il Codice delle Pari Opportunità punta ad evidenziare la trasparenza in merito all’inquadramento di uomini e donne e a ridurre la disparità.

In Regno Unit questa tipologia di attività ha già incominciato a dare i propri frutti riducendo il differenziale salariale di genere nelle imprese interessate dagli obblighi rispetto a quelle che non lo sono, inoltre le imprese sono state “costrette” ad avviare un piccolo processo di “riforma” delle modalità con cui vengono elaborati gli annunci di lavoro, utilizzando un linguaggio di genere più appropriato o con maggiori opportunità di flessibilità nell’organizzazione del lavoro.

Appello della società civile

Appello della società civile

La Società Civile scende in campo! Siamo cittadine e cittadini esponenti di quella società civile che è la spina dorsale di questo paese ed ogni giorno affronta la sfida di creare valore e valori nelle fabbriche, nelle aziende agricole, nel terziario, nelle scuole,...

#Maipiùstragi: NeXt Economia tra le 80 organizzazioni aderenti

#Maipiùstragi: NeXt Economia tra le 80 organizzazioni aderenti

Martedì 5 luglio dalle ore 19 appuntamento in piazza Duca d’Aosta di fronte alla Stazione Centrale. A Milano, per ricordare che la ‘ndrangheta è un problema nazionale. A Milano, per ribadire che le infiltrazioni criminali nell’economia legale sono un’emergenza per la...