fbpx
Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

Gli aspetti psicologici da considerare prima di aprire una startup

20 Ago. 2021

Aprire una startup è un percorso lungo e tortuoso, ma con la giusta predisposizione ogni montagna diventa sormontabile, spesso gli aspetti psicologici sono quelli meno considerati ma sono fondamentali per crescere, migliorare e dirigere la propria impresa con successo.

Seguici, è giunto il momento di avviare insieme una riflessione.

Domanda 1: Quali sono le tue aspettative dal fare impresa? 

Vuoi sentirti libero di agire o sei in grado di fronteggiare una rendicontazione agli investitori che hanno scelto di finanziare il tuo progetto? Banalmente, chi metterà a disposizione dei fondi lo farà per un tornaconto e farà il possibile per controllare che i suoi soldi vengano utilizzati nel modo giusto.

Tu puoi sostenere questa situazione?

Domanda 2: Cosa puoi sacrificare?

Lo sappiamo, è una domanda molto scomoda ma purtroppo è così, aprire una startup significa essere pronti a fare sacrifici, sia in termini di tempo che di denaro. 

Domanda 3: La tua famiglia ti supporterà? 

Aprire una startup è un grandissimo impiego di tempo, cerca di capire se le persone che ami sono disposte a vederti un po’ di meno o addirittura a supportarti, se la tua compagna o il tuo compagno non sono favorevoli al progetto, passerai tutto il tempo a litigare e non comprenderebbero che la tua assenza è tesa a coltivare un sogno. 

Domanda 4: Sei pronto a sacrificare il tuo tempo libero?

C’è poco da dire, startupper non fa rima con gite fuori porta, serie sul divano e tanto tempo libero, quindi prima di intraprendere questa avventura assicurati di essere pronto a sacrificare il tuo tempo, soprattutto nella fase germinale del progetto. 

Domanda 5: Sei pronto a non avere uno stipendio fisso? Sei pronto a lavorare

gratis per mesi e mesi? Sei pronto a non mollare? Insomma, sei pronto a diventare un imprenditore? 

Domanda finale: come te la cavi con le pressioni sociali? Lanciando una startup ti troverai uno stuolo di persone che ti chiederà costantemente “Allora sei già diventato ricco?”, “Allora quando decolla il progetto?” e tu dovrai essere pronto a gestire tutto questo. Sembra una banalità, ma sul lungo periodo potrebbe farti sentire inadeguato. 

Hai risposto positivamente a tutte le domande? Allora sei pronto per iniziare e se vuoi dai un’occhiata qui per scoprire il nostro percorso di preincubazione per startup sostenibili.

 

Soci sostenitori

Soci sostenitori

Soci sostenitori