Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
aipec
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
Banca Etica
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First Social Life ETS
Flaei
Fondazione Ebbene
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
Opera Torinese del Murialdo
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCID
UIL -Unione Italiana del Lavoro
Unitelma Sapienza
Vita

Voto col Portafoglio: il superpotere dei cittadini

Esiste un potere che tutti i cittadini possono esercitare: il diritto al voto.
Ogni giorno possiamo scegliere moltissime cose tra mille alternative, soprattutto quando decidiamo di acquistare oggetti o servizi. 

Grazie all’intuizione del prof. Leonardo Becchetti nasce il Voto col Portafoglio*, l’espressione che indica il potere dei cittadini nel momento dell’acquisto, di fare la scelta responsabile che sostiene la buona economia, quella inclusiva, rivolta verso i territori, i bisogni reali delle persone.

Dal 2012, grazie alle sue reti territoriali, NeXt promuove il Voto col Portafoglio coinvolgendo imprese, amministrazioni locali e soprattutto gruppi organizzati o informali di cittadini, per proporre un sistema sociale e produttivo più giusto e solidale.
Un’economia, che come ci piace definire in NeXt, sia Nuova.

Il Voto col Portafoglio, che cos’è

Votare col portafoglio significa prendersi la responsabilità di scegliere e acquistare in modo informato e consapevole, di supportare le buone pratiche nazionali e locali, con un effetto a cascata positivo su lavoratori, persone e comunità.

Il Voto col Portafoglio è un gesto di consumo responsabile – da esercitare individualmente o coordinandosi con altri – che porta all’aumento del benessere diffuso. Acquistare un prodotto dopo essersi informati sullo stesso e sull’azienda che lo produce, può farci apprezzare la scelta del “giusto prezzo”. Spesso infatti – all’acquisto – i prodotti e servizi etico-sostenibili appaiono più costosi. In realtà lo sono, in quanto “costruiti” diversamente rispetto al mercato mainstream.

Facciamo un esempio.
Acquisto una passata di pomodoro etico-sostenibile, che può arrivare a costare quasi il doppio rispetto al prezzo più basso disponibile sul mercato. Cosa sto scegliendo? 

Con quella passata sto scegliendo di difendere i contratti dei lavoratori, un packaging sostenibile, un pomodoro coltivato da agricoltori che non sfruttano il caporalato. Scelgo di supportare l’azienda produttrice e tutta la sua filiera, dal suolo in cui vengono coltivati i pomodori, al barattolo che trovo in negozio o sull’e-commerce. Scelgo anche di supportare l’azienda in programmi di inserimento lavorativo di disabili o di immigrati o di ex-detenuti: persone che lavorando e inserendosi in una quotidianità fatta di autonomia economica e sociale e di relazioni umane, potranno scegliere a loro volta una strada diversa da quella che avrebbero intrapreso in situazioni di estrema difficoltà.

Il prezzo giusto non è mai il più basso: è il più equilibrato. Quando ci troviamo davanti a un prezzo troppo basso dobbiamo sempre riflettere sul fatto che quella differenza di costo la paga qualcun altro, vicino a noi o in un’altra parte del mondo: i lavoratori sfruttati, l’ambiente, il nostro sistema sanitario.

Questo meccanismo funziona per qualsiasi scelta virtuosa, anche se apparentemente non redditizia. Le aziende che non abbandonano un territorio marginale, combattono l’incuria e gli effetti delle calamità naturali; quelle che lottano contro il caporalato e permettono a tutti di pagare meno tasse; le imprese che integrano nel lavoro immigrati o ex-detenuti, portando un risparmio sui costi di gestione e dei sussidi statali. Tutte queste realtà, ciascuna a suo modo, contribuiscono – insieme al cittadino che le sceglie – al benessere del nostro Paese, dal punto di vista economico, sanitario, sociale e ambientale.

Non tutti i cittadini accedono allo stesso paniere di informazioni o allo stesso reddito. Votare col portafoglio è un’azione di responsabilità, significa esercitare il proprio potere di scelta, potere che contraddistingue ciascun cittadino/consumatore, anche per chi in questo momento non lo può fare.
Come in una vera e propria elezione, i cittadini possono accedere alle buone pratiche locali e nazionali, informarsi sul sito NeXt e/o durante eventi pubblici on line e fisici che le vedono protagoniste e decidere se premiare un’azienda oppure no con il proprio “voto”: l’azione di acquisto.

Voto col Portafoglio, come scegliere le Buone Pratiche

Etichettatura, pubblicità e azioni di marketing – spesso volte a ottenere il consenso pubblico – non bastano.
NeXt e il suo comitato scientifico, per veicolare informazioni trasparenti e di rapida consultazione, effettua costantemente una mappatura delle buone pratiche produttive in tutta Italia. L’abbiamo chiamata Autovalutazione Partecipata e proprio per la sua caratteristica democratica è aperta ai commenti e alle richieste di informazioni di tutti i cittadini.

Aprendo la pagina “Buone Pratiche” sul portale NeXt è possibile scegliere un settore produttivo e una località. A questo punto, si entra in una pagina che offre una prima “vetrina” delle aziende mappate e successivamente validate dal nostro comitato scientifico. Consultando ciascuna azienda, il cittadino può ricevere informazioni utili per fare la sua scelta responsabile, per commentare l’autovalutazione compilata dalle imprese e le altre realtà consultate e quindi implementare il “ranking” e la credibilità di queste.

Passare all’azione individualmente…

Per esercitare il proprio Voto col Portafoglio, ciascun cittadino effettua la sua scelta informata e consapevole, attraverso i canali che più preferisce (e-commerce, contatto diretto, negozi) e diffonde tramite passaparola o social network la sua scelta, spingendo anche altri conoscenti a orientarsi verso un atteggiamento più responsabile nei confronti degli acquisti.

…e in forma collettiva con il Cash Mob Etico

Il Cash Mob Etico non è solamente un evento pubblico, è una vera e propria MOBilitazione – digitale o fisica – durante la quale vengono raccontate e valorizzate direttamente dai produttori le caratteristiche di sostenibilità. Grazie alle reti locali – costruite spesso in collaborazione con NeXt – imprese e stakeholder locali lavorano insieme per la riuscita del Cash Mob Etico, promuovendolo a livello di comunicazione e cercando di ampliare così il numero dei cittadini che potrebbero informarsi, acquistare e condividere, partecipando attivamente a questo esercizio del proprio diritto/dovere di scelta nell’acquisto. Il Cash Mob Etico è espressione concreta del Voto col Portafoglio ed è alla portata di tutti. Una giornata in cui l’imperativo è quello di conoscere, per scegliere meglio!

NeXt organizza Cash Mob Etici dal 2012, coinvolgendo associazioni di categorie, imprese, territori, gruppi formali o informali di cittadini e indirizzandoli a un’azione che premi i produttori e diffonda le pratiche di sostenibilità anche negli acquisti.
Lo slogan dei Cash Mob Etici di NeXt è “Informati, acquista, condividi”: un’esortazione all’azione, alla manifestazione di un pensiero positivo e incoraggiante per tutte le imprese e gli attori locali, che scelgono ogni giorno di investire in Buone Pratiche di sostenibilità.

*Breve bibliografia di approfondimento

Il Voto nel Portafoglio. Cambiare consumo e risparmio per cambiare l’economia – L. Becchetti, M. Di Sisto, A. Zoratti – Il Margine

Il mercato siamo noi – L. Becchetti – Mondadori Bruno, coll. Sintesi

NeXt una Nuova Economia è possibile – L. Becchetti, F. Menaglia – Albeggi Edizioni

Finanza etica. Commercio equo solidale. La rivoluzione silenziosa della responsabilità sociale – L. Becchetti, L. Paganetto – Saggine

La felicità sostenibile: economia della responsabilità sociale – L. Becchetti – Saggine

Come cambiare l’economia. Strumenti di rendicontazione, progettazione e valutazione multidimensionali e partecipati – L. Becchetti, L. Raffaele, L. Semplici – Rubbettino Editore