Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
Economia e Felicita
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First
Flaei
Fondazione Bruno Visentini
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCI
UCID
Unitelma Sapienza
Vita

L’arresto del Sindaco di Riace mette a rischio l’inclusione sociale

3 Ott. 2018

L’appello di NeXt Nuova Economia X Tutti, rete nazionale di organizzazioni della società civile per la sostenibilità

Roma, 2 ottobre – L’impegno sociale di Domenico Lucano, non può davvero essere confuso con il favoreggiamento.
La fiducia sociale nelle amministrazioni pubbliche passa da queste persone, che investono se stessi e la propria carica politica per il territorio e il Bene Comune. La rete NeXt supporta l’amministratore di Riace, riconoscendo l’importanza sia di rispettare le leggi che di supportare il lavoro dignitoso e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone.

Leonardo Becchetti, presidente del Comitato Scientifico di NeXt commenta: “Arresti domiciliari a chi ha lavorato per l’integrazione e contro lo spopolamento in una terra martoriata dalla criminalità, fa accendere i riflettori sui gravissimi reati di “solidarietà” e “accoglienza” compiuti dal Sindaco di Riace. Al centro delle contestazioni ci sono le borse lavoro e i bonus con cui in paese si rispondeva sciaguratamente ai ritardi nell’erogazione dei fondi per migliorare un modello diverso di accoglienza e integrazione, che ovviamente
nessuno vuole. Che siano le forzature la causa dell’arresto è semplicemente un gioco sulle percezioni delle persone, che rimettono in discussione le priorità di un paese che è in Calabria, ma in realtà è anche quello in cui abitiamo. Vogliamo continuare davvero a usare
paradossi?”

Giovanni Battista Costa, presidente di NeXt: “Arrestare il Sindaco di Riace è un evento senza precedenti, perché mette in discussione lo sviluppo economico e sociale che è stato realizzato in questi anni, caratterizzato da una reale attenzione al rispetto e al benessere
delle persone, di qualsiasi nazionalità e cultura. La cosa incredibile è che l’attività legislativa in Italia non è tale da favorire questi modelli di sviluppo in grado di creare innovazione e integrazione aldilà dei rischi e dell’impopolarità di alcune scelte. Sono e siamo vicini a Domenico Lucano e mi auguro che eventuali azioni al limite della legalità, ma realizzate per il Bene Comune siano inquadrate all’interno di un quadro complessivo, ampio e dettagliato, che ha realizzato lo sviluppo sostenibile del territorio e della sua gente, fornendo un bellissimo esempio a livello locale e nazionale di che cosa significa prendersi cura del proprio territorio assumendosi le responsabilità di compiere delle scelte per le persone e per gli ultimi”.