Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
Economia e Felicita
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First
Flaei
Fondazione Bruno Visentini
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCI
UCID
Unitelma Sapienza
Vita

Cercatori di LavOro per le Settimane Sociali di Cagliari

26 Ott. 2017

Venerdì 27 ottobre giornata dedicata alle buone pratiche mappate e alla visita alle aziende sostenibili del cagliaritano

Foto 19-10-17, 15 02 48Sono 542 le buone pratiche aziendali, amministrative e formative mappate dai volontari del progetto Cercatori di LavOro, realizzato a partire da gennaio 2017 grazie alla partnership di NeXt Nuova Economia X Tutti, CEI e del Progetto Policoro.

200 volontari provenienti dalle diocesi di tutta Italia sono andati alla ricerca di pratiche di sostenibilità a 360°, per creare un “paniere” di esempi virtuosi e replicabili e generare nuovi approcci al mondo del lavoro. Dopo un’attenta analisi delle pratiche segnalate, 402 sono emerse realmente sostenibili. Di queste, 309 provengono da realtà imprenditoriali, 40 dal mondo della scuola e 52 dalla pubblica amministrazione più in generale. Rispetto alla retorica diffusa, il Mezzogiorno arriva sul podio con un 42% delle buone pratiche segnalate; uno stacco rilevante rispetto al 34% di segnalazioni provenienti dal Nord e a quasi il 24% del centro Italia.

Sono questi i risultati di Cercatori di LavOro. Il progetto nazionale ha coinvolto un centinaio di Diocesi italiane e utilizzato tre strumenti fondamentali: i criteri dell’Autovalutazione Partecipata proposti da NeXt per la selezione delle esperienze virtuose in campo sociale e ambientale, un questionario sugli aspetti qualitativi e quantitativi legati al lavoro responsabile che è stato sottoposto dai “Cercatori” alle realtà del territorio ritenute sostenibili messo a punto dal Comitato Organizzatore delle Settimane Sociali e una forte rete sociale legata al mondo delle realtà ecclesiali, che è stata fulcro della raccolta di informazioni sui territori.

Il coordinamento del progetto è stato affidato a NeXt – associazione nazionale che mette in rete i più importanti player italiani del terzo settore. Questa organizzazione, grazie all’esperienza in materia di creazione e rafforzamento delle reti territoriali, analisi e rilevazione dei modelli di consumo e produzione responsabile ha coordinato e rielaborato le informazioni ricevute dai “Cercatori” del progetto, molti dei quali volontari del Progetto Policoro – l’iniziativa della Chiesa italiana per dare risposte concrete al problema della disoccupazione – partner di questo progetto insieme alla CEI.

Grazie al progetto, i Cercatori di LavOro sono diventati i protagonisti di una vera e propria mobilitazione dal basso, che ha l’obiettivo di diffondere e rendere virali le esperienze positive.
L’analisi dei risultati, realizzata da NeXt sotto la guida dei Prof. Leonardo Becchetti, Giuseppe Notarstefano e di Mons. Filippo Santoro, è stata presentata oggi nella prima giornata delle Settimane Sociali della CEI. Un quadro piuttosto completo e articolato della “buona Italia”, creativa e innovativa che – come da tema dell’evento quadriennale – crea posti di lavoro dignitosi e si cala nelle realtà territoriali con etica e sostenibilità.
I dati analizzati dopo questa prima mappatura nazionale vogliono hanno fatto emergere i punti di forza, le aree di miglioramento e gli elementi di replicabilità delle esperienze di sostenibilità ad ampio spettro, già in essere nel nostro Paese.

Da oggi, a Cagliari, gli ospiti delle Settimane Sociali saranno impegnati in un’estrapolazione da questi dati sulle strategie e i comportamenti che possono essere riadattati a nuovi contesti territoriali e costruire una progettualità condivisa con le reti ecclesiali da sperimentare nei prossimi mesi.
Partendo da pratiche già acquisite e testate sui territori, si potrà così iniziare un percorso circolare di buone prassi sostenibili in campo sociale, economico e ambientale, generando nuove professionalità, indirizzi economici e mobilitazioni dal basso.

Per il programma delle Settimane Sociali di Cagliari