Acli
Adiconsum
Adige
Adoc
Altromercato
Anima
AOI Cooperazione
Arci
CGIL
Cisl
Cittadinanzattiva
Confcooperative
CSVnet
Cvx
Earth Day Italia
Economia e Felicita
ERShub
Fairtrade Italia
Federcasse
Federconsumatori
Fim - Cisl
First
Flaei
Fondazione Bruno Visentini
Fondazione Lanza
Fondazione Sodalitas
Forum Nazionale del Terzo Settore
Impronta Etica
Istituto Maria Ausiliatrice
Kyoto Club
Legacoop
LEGAMBIENTE NAZIONALE
Movimento consumatori
PEFC Italia
Tor vergata
Transparency International
UCI
UCID
Unitelma Sapienza
Vita

Premio per lo Sviluppo Sostenibile 2017

17 Lug. 2017

Giunge alla nona edizione il riconoscimento nazionale per le realtà a filiera produttiva responsabile

premio sviluppo sost_2017Il 31 luglio scade il bando per la partecipazione al premio nazionale dedicato alle imprese sostenibili creato da Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile nell’ambito degli Stati Generali della Green Economy, che si tengono ogni anno durante Ecomondo a Rimini.

Sono ammesse imprese provenienti dai settori: economia circolare, tutela e gestione delle acque e mobilità sostenibile o ambiti affini che attuino azioni concrete in queste tre sfumature della sostenibilità.

Le aziende che desiderano partecipare, devono distinguersi per econinnovazione, efficacia dei risultati ambientali ed economici e per la diffusione dei risultati raggiunti.

Il premio, giunto alla sua nona edizione, ha ricevuto ogni anno il riconoscimento del Presidente della Repubblica: le tre imprese vincitrici, una per ogni settore indicato dal bando, riceveranno una targa di riconoscimento e un attestato di motivazione, altre 27 aziende saranno segnalate sempre con attestato.

Entrando nello specifico, per l’edizione 2017 del Premio per lo Sviluppo Sostenibile, sono ammesse imprese che hanno realizzato o stiano realizzando attività innovative in diversi ambiti: dall’ecodesign di prodotti ecologici, alle filiere produttive con utilizzo di materie prime seconde per quanto riguarda il settore “Economia Circolare”. Dalla tutela e valorizzazione degli ambiente acquatici con gestione sostenibile delle risorse idriche, alla produzione di energia idroelettrica a basso impatto ambientale per il settore “Tutela e Gestione delle Acque”. Sino ad arrivare alla produzione di veicoli a emissioni quasi-zero, allo smart-working per il settore “Mobilità Sostenibile”.

Le imprese possono avere qualunque forma societaria, anche quella di start-up, ma i risultati delle azioni di sostenibilità devono essere comprovabili.

Info più dettagliate, regolamento e modalità di partecipazione al Premio Sviluppo Sostenibile

In bocca al lupo!